Una furtiva startup di social commerce attinge alle radici di Meta per creare messaggi di marca incentrati sull’intelligenza artificiale

Una furtiva startup di social commerce attinge alle radici di Meta per creare messaggi di marca incentrati sull’intelligenza artificiale

Al giorno d’oggi, con l’attenzione dei consumatori spostata in molte direzioni, è molto più difficile per i marchi catturare l’attenzione per un periodo più lungo rispetto allo scorrimento medio sui social media. Allo stesso tempo, gli acquisti effettuati tramite piattaforme social sono destinati a raggiungere quasi i 3 trilioni di dollari, a livello globale, entro il 2026.

Nectar AI vuole fornire ai marchi direct-to-consumer e di e-commerce un modo più semplice per connettersi con i consumatori. La piattaforma di social commerce è stata avviata dalle sorelle Misbah Uraizee e Farah Uraizee, che hanno visto questo problema in prima persona mentre entrambe lavoravano a Meta.

Misbah stava costruendo strumenti di conversazione e monetizzazione basati sull’intelligenza artificiale per aziende e consumatori, mentre Farah stava sviluppando prodotti per la community e i gruppi di Facebook.

“Stavamo costruendo questi prodotti per incoraggiare le persone a trascorrere più tempo all’interno dell’ecosistema di Meta, e ciò che ci siamo resi conto rapidamente è stato che i prodotti erano nella migliore delle ipotesi dei cerotti”, ha detto Misbah Uraizee a TechCrunch. “Stavamo vedendo una tendenza molto forte, soprattutto da parte della Gen Z, di un’attrazione gravitazionale verso la messaggistica privata. La messaggistica è esplosa negli ultimi cinque anni”.

A riprova di questa tendenza, Uraizee ha citato una recente intervista di Adam Mosseri, capo di Instagram, il quale ha affermato che gran parte della crescita e del tempo trascorso sulle app di Meta sono avvenuti nelle storie e nelle funzionalità di messaggistica diretta.

Ecco perché il team di Nectar AI afferma che i marchi devono trovare nuovi modi per coinvolgere e convertire personalmente i consumatori laddove trascorrono la maggior parte del tempo. L’azienda consente alle aziende D2C e di e-commerce di sostituire la mezza dozzina di strumenti che utilizzano ora con lo strumento di messaggistica generato dall’intelligenza artificiale di Nectar che utilizza modelli linguistici di grandi dimensioni e generazione aumentata di recupero, per connettersi su larga scala, ha affermato Farah Uraizee in un’intervista.

L’azienda si unisce ad altre società che si occupano di e-commerce, ad esempio SuperOrdinary, Loup (ex Social Chat) e Rebuy. Dove gli Uraizees affermano che Nectar AI si distingue è nella sua tecnologia di personalizzazione, inclusa la mappatura dell’identità dai profili social a quelli commerciali dei clienti, e quel LLM focalizzato sul commercio proprietario che i marchi possono implementare ovunque interagiscono con i clienti.

Se tutto questo ti sembra fantastico, dovrai aspettare un po’ prima di poterlo provare. I fondatori considerano ancora Nectar AI piuttosto furtivo: il suo prodotto è in versione beta e probabilmente non lo offriranno al pubblico fino a “metà del prossimo anno”, secondo Misbah Uraizee.

Per alimentare tale lancio, la società ha recentemente chiuso un round di finanziamento pre-seed di 2 milioni di dollari. Era guidato da Heather Gorham di Flying Fish Ventures e comprendeva BAM Ventures, Sophia Amoruso del Trust Fund, XRC Ventures, Fab Ventures, Yale Index Ventures, CMDN, Dash VC e un gruppo di angel investor, tra cui Jennifer Dulski.

Nectar AI si rivolgerà inizialmente ai marchi di moda e bellezza di medie dimensioni che gestiscono migliaia di commenti sui loro canali di social media. La nuova capitale aiuterà ad espandere i suoi team di ingegneria e intelligenza artificiale.

“Il nostro punto debole sono i marchi che hanno un discreto livello di coinvolgimento sulle loro piattaforme social e che stanno investendo molto su queste piattaforme per le loro campagne organiche e a pagamento”, ha affermato Misbah Uraizee. “Hanno un enorme problema scottante a riguardo, e ora stiamo cercando di bilanciare il modo in cui i marchi lungo il canale ricevono Nectar.”

It is important to emphasize that the information presented in the article Una furtiva startup di social commerce attinge alle radici di Meta per creare messaggi di marca incentrati sull’intelligenza artificiale
is the result of thorough research and reliable sources but may be subject to changes and updates after the publication date of this article.

Source Una furtiva startup di social commerce attinge alle radici di Meta per creare messaggi di marca incentrati sull’intelligenza artificiale

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Select your currency
Apri la chat
💬 Hai bisogno di aiuto?
Ciao👋
come ti posso aiutare?